Intervista con il Global ambassador Revlon Professional Manuel Mon al Front Row 2022

Giugno 9, 2022

L’amore per il mondo dell’acconciatura può essere visto dietro ogni creazione di Manuel Mon, Revlon Professional Global Ambassador. Delicato, splendido e impegnato sono tre delle tante parole che possiamo usare per descrivere questo incredibile stilista che, insieme a Revlon Professional, è cresciuto in creatività e innovazione. All’International Hair Awards 2022, la prestigiosa cerimonia di premiazione tenutasi il 16 maggio a Madrid, ha presentato una serie di look in passerella, dove migliaia di occhi erano puntati su ogni dettaglio del suo lavoro. Come riesce ad essere sempre al top del suo gioco e a dare il massimo in ogni spettacolo?

Su una passerella piena di magia, passione e musica, Manuel Mon ci racconta in esclusiva come crea look che ci trasportano nell’avanguardia, che enfatizzano la bellezza delle modelle e giocano con i nuovi colori di Revlonissimo Colorsmetique™. Ci lascia anche un piccolo segreto o due, di cui ti parleremo di seguito – non perdetevelo!

 

 

 

Ver esta publicación en Instagram

 

Una publicación compartida de Manuel Mon (@manuelmonoficial)

Il futuro dell’hairdressing secondo Manuel Mon

Manuel Mon, è un piacere averti con noi! Per cominciare, una breve introduzione: da dove nasce la tua passione per l’acconciatura e come si è evoluta e ti ha portato a Front Row 2022?

Manuel: A 17 anni, ho iniziato ad interessarmi al mondo dell’arte in generale. Ero un bambino che toccava sempre le cose, faceva le cose con le mani e sperimentava. È stato per caso che ho iniziato a lavorare nel settore dell’acconciatura. Stavo accompagnando un collega all’hotel dove lavorava quando ho visto sua moglie lavorare nel parrucchiere e ho capito “Penso che mi piaccia di più questa attività di parrucchiere”.  A poco a poco ho aperto il mio primo salone in un umile appartamento e poi ho partecipato al mio primo concorso di parrucchieri, il Revlon hairdressing cup, principalmente perché volevo solo che la gente vedesse il mio lavoro, ma ho vinto!

 

In che modo le creazioni di oggi sono diverse dalle altre che hai realizzato? Hanno tutti il tuo tocco “Mon”? 

Manuel: La differenza è principalmente a causa dei mezzi, dell’organizzazione e di tutto ciò che deriva dal lavorare in un posto così grande. Ma soprattutto perché sono a casa in Spagna, ci sono più persone che mi seguono e mi sostengono. Sento il calore della nostra gente più che in altri paesi in cui sono ammirato. Qui, appena me ne sono andato, tutti hanno gridato e applaudito e questo lo rende molto speciale. Il mio interesse è sempre stato e sarà sempre quello di cercare la bellezza. La cosa più difficile nella nostra professione è che le persone conoscano immediatamente il nostro lavoro e riconoscano quale stilista ha creato un look. Credo di aver raggiunto questo obiettivo nel mio caso. Ho il mio stile che viene riconosciuto, che segue gli stessi criteri e la stessa tecnica, e che è diverso da quello che fanno gli altri miei colleghi.

 

Hai vinto molti premi; come ti prepari per le passerelle e/o le premiazioni? 

Manuel: In primo luogo, mi circondo di un buon team di fotografi, stilisti e parrucchieri con cui sviluppo le idee su quello che voglio fare. Anche se è per tentativi ed errori. A volte inizi con un’idea ma non ottieni quello che vuoi, e altre volte risulta migliore di quanto avessi immaginato e in realtà genera altre idee per nuove collezioni. Quest’anno abbiamo creato quattro nuove collezioni, che vedranno presto la luce. Hanno l’essenza di Manuel Mon ma fanno un ulteriore passo avanti. Come professionista e come essere umano, cerco di migliorarmi perché penso che sia quello che la professione e i miei colleghi si aspettano da me.

 

The Future of Hairdressing by Manuel Mon Manuel Mon, it's a pleasure to have you with us! To begin with, a brief introduction: where does your passion for hairdressing come from and how has it evolved and brought you to Front Row 2022? Manuel: At 17 years old, I started to become interested in the art world in general. I was a kid who was always touching things, doing things with my hands and experimenting. It was by chance that I started working in hairdressing. I was accompanying a colleague to the hotel where he worked when I saw his wife working in the hairdresser's and realized "I think I like this hairdressing business better". Little by little I opened my first salon in a humble apartment and then I entered my first hairdressing competition, the Revlon hairdressing cup, mainly because I just wanted people to see my work, but I won! How are today's creations different from others you have made? Do they all have your 'Mon' touch? Manuel: The difference is mainly because of the means, the organization, and everything that comes with working in such a big place. But above all because I am at home in Spain, there are more people who follow me and support me. I feel the warmth of our people more than in other countries where I am admired. Here, as soon as I left, everyone shouted and applauded and that makes it very special. My interest has always been and will always be to look for beauty. The most difficult thing in our profession is for people to instantly know our work and to recognize which stylist created a look. I believe that in my case I have achieved this. I have my own style that is recognized, that follows the same criteria and technique, and that is different from what the rest of my colleagues do. You have won many awards, how do you prepare for the catwalks and/or award shows? Manuel: First of all, I surround myself with a good team of photographers, stylists, and hairdressing partners with whom I develop the ideas for what I want to do. Although it's trial and error. Sometimes you start with an idea but you don't get what you want, and other times it turns out better than you had imagined and actually generates other ideas for new collections. This year we have created four new collections, which will see the light soon. They have the essence of Manuel Mon, but go a step further. As a professional and as a human being, I try to improve myself because I think that is what the profession and my colleagues expect from me.

 

E la musica, scegli anche l’accompagnamento? È importante per te che tutto sia controllato in modo che ogni parte dello spettacolo abbia il tuo tocco distintivo? 

Manuel: Tutto è importante. Quando faccio uno spettacolo, mi ispiro alla musica, al cinema e alla natura. Ma la musica è molto importante perché ti attira dentro ciò che stai vedendo. Durante l’evento Front Row Runway, ci sono stati due look che sono stati presentati per un motivo: sono andati molto bene con la canzone di Rosalía, che ha realizzato in esclusiva per i Goya Awards. Ma per me è stato come se lo avesse fatto per la mia sfilata. Gli abiti arricciati… tutto ha un perché.

 

Parliamo del futuro. Hai qualche creazione in modalità “elaborazione” nella tua testa? Come vedi le prossime generazioni? Come professionista del colore, Revlonissimo Colorsmetique™ è all’altezza delle tue aspettative? Cosa ne pensi della presentazione al Front Row?

Manuel: Per i professionisti, Revlon Professional rende il nostro lavoro più facile come parrucchieri. Lavoro con l’azienda da più di 33 anni e ho visto la meravigliosa evoluzione che ha avuto nel corso degli anni e Revlonissimo Colorsmetique™ ne è un altro esempio. È un ottimo prodotto! In termini di colore, soddisfa tutte le aspettative e le supera persino in termini di durata e lucentezza. Per i parrucchieri questo è il cinquanta per cento del lavoro.

 

In che modo un’azienda come Revlon Professional ti ha aiutato nel tuo processo creativo?

Manuel: Revlon Professional è sempre stata lì per me ogni volta che ne ho avuto bisogno. Mi ha sostenuto e aiutato ogni volta che gliel’ho chiesto. Ci sono stato anche ogni volta che mi hanno chiamato, quindi è come una famiglia. Vorrei sottolineare, a differenza di altri marchi, che ci fanno sentire parte dell’azienda. Non mi sento un numero. Sono un loro cliente, ma anche un partner e un essere umano.

 

Revlon Professional Global Ambassador Manuel Mon

 

Per un evento importante come Front Row, dove trovi l’ispirazione per le tue creazioni? Quali sono i tuoi principali riferimenti nel mondo dell’acconciatura?

Manuel: Quello che ho cercato di trasmettere al Front Row con le mie tecniche e collezioni è stato fare qualcosa di nuovo. Per me era importante che il lavoro fosse bello e carino. Credo che non tutto sia valido nelle avanguardie, tutto deve avere un’armonia. Devi elevare la modella, enfatizzare la sua bellezza. Ma in questa professione ci sono, ovviamente, gusti diversi.

 

Sei un’ispirazione per le future generazioni di parrucchieri, quindi quali 3 consigli potresti dare loro per ispirarli a creare e innovare?

Manuel: Oh, è molto difficile dare consigli, ma penso che la costanza sia la chiave. Non gettare mai la spugna, perché impari dagli errori e, anche se non vinci o ti dicono di no, non importa. Ho partecipato a molti concorsi e non smetto mai di imparare o crescere. Penso anche che sia importante essere generosi e molto umili all’interno della professione. Circondati di una buona squadra che parla la tua stessa lingua.

 

Infine, puoi descrivere il Front Row Summit in 3 parole?

Manuel: Passione, nervi ed eccitazione!

 

Manuel, hai una fiducia e una tranquillità che ci trasporta e ci fa vedere un futuro fantastico nel mondo dell’acconciatura. Speriamo di continuare a goderci il tuo lavoro in futuro!

Ti senti ispirato? Dai un’occhiata alla nostra intervista con Steve Rowbottom, direttore creativo di Westrow Hairdressing Group, in cui imparerai di più su come espandere la tua attività.

Se non sei ancora un utente, diventa un cliente ora e inizia a godere di tutti i vantaggi di Revlon Professional. Ti invitiamo ad elevare le tue capacità professionali attraverso REVLONPROALWAYSON, la nostra piattaforma di e-learning disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Se non sei ancora un cliente, puoi diventarlo qui. Ricorda solo che per godere di Always On devi essere un cliente.